side-area-img-1

Dietologo Nutrizionista e Personal Trainer

Online Coaching
Diete Personalizzate
Allenamento Personalizzato

SEGUIMI SUI SOCIAL
Instagram
Facebook
LinkedIn
Top

Blog

grassi insaturi - valeria galfano - nutrizionista dietologo

Grassi insaturi e benefici per la salute

I grassi sono uno dei tre macronutrienti che introduciamo con la dieta quotidiana, insieme alle proteine e ai carboidrati. Sebbene spesso siano associati a un impatto negativo sulla salute, non tutti i grassi sono uguali. In questo articolo ci concentreremo sui grassi insaturi, acidi grassi polinsaturi e monoinsaturi, e sui loro benefici per la salute umana.   Indice [toc]   Cosa sono i grassi insaturi I grassi insaturi, dal punto di vista biochimico, sono delle molecole carboniose che contengono almeno un doppio legame nella loro struttura molecolare. A differenza di quelli saturi, che sono solidi, i grassi insaturi si presentano generalmente liquidi a temperatura ambiente. Ciò...

Grassi saturi: come influenzano la salute

I grassi saturi sono macronutrienti presenti soprattutto nella componente grassa dei tessuti animali. I grassi saturi, quando introdotti in eccesso con la dieta, possono avere effetti negativi sulla salute, in particolare sul rischio di cardiopatia ischemica, infarto e ictus. In questo articolo, esploreremo il ruolo dei grassi saturi nella dieta e come ridurne l'assunzione.   Indice [toc]   Cosa sono i grassi saturi I grassi saturi appartengono alla famiglia dei lipidi e si presentano in forma solida a temperatura ambiente. Dal punto di vista biochimico, sono formati da una lunga catena carboniosa, priva di doppi legami tra gli atomi di carbonio. Sono presenti in natura, specialmente...

cibo e mente - valeria galfano

Cibo e mente: molto più’ di quello che mangiamo

Il cibo è molto più di quello che mangiamo, è anche nutrimento, legame, piacere, appartenenza e ricordo. Gli si attribuiscono, a torto o a ragione, proprietà curative e tossiche, effetti cosmetici e deturpanti e, talvolta, può divenire una droga. Da sempre, il legame tra l’uomo e il cibo è stato ambivalente, territorio di battaglia tra grassi e magri. Dopo gli anni ‘80 del secolo scorso, per l’uomo moderno il conflitto è divenuto più aspro, soprattutto in seguito all'esplosione della pandemia di obesità. In epoche di ricorrenti carestie e di incertezze sulla disponibilità di cibo, l’abilità di accumulare riserve di energia sotto forma...

sindrome dell'intestino irritabile - valeria galfano

Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile rappresenta uno tra i più frequenti disturbi gastroenterologici. L’apparato digerente rappresenta la principale interfaccia tra il mondo esterno e l’interno del nostro organismo. In particolare, l’intestino copre una superficie di circa 300 metri quadri, è lungo 7 metri e contiene il 70% del microbiota umano. Il microbiota altro non è che la flora intestinale.  In un uomo di 70 kg è composto da circa 39 mila miliardi di batteri che generalmente vivono in condizioni di equilibrio, sia qualitativo che quantitativo, con le nostre cellule (eubiosi). L’alimentazione sregolata, lo stress, l’abuso di farmaci e altre condizioni patologiche possono alterare l’equilibrio...

carico di glicogeno - valeria galfano

Carico di glicogeno nel bodybuilding

Il carico di glicogeno e la supercompensazione sono pratiche dietetiche finalizzate a massimizzare la prestazione atletica e a ridurre l’acqua nel compartimento extracellulare al fine di migliorare rapidamente e visibilmente la definizione muscolare. Il bodybuilding è uno sport le cui competizioni vengono giudicate in funzione dell’aspetto fisico, del portamento e del posing. L’obiettivo principale è sviluppare un fisico globalmente simmetrico che esibisca sia le dimensioni sia la definizione muscolare. Molti bodybuilder trascorrono la maggior parte dell’anno in una fase ipertrofica in cui la combinazione di dieta e allenamento è rivolta all’aumento della massa muscolare. Quando si avvicina la data della competizione viene...

fabbisogno proteico nel bodybuilding - valeria galfano

Fabbisogno proteico nel bodybuilding

Le attuali raccomandazioni basate sull'evidenza suggeriscono un fabbisogno proteico giornaliero che varia da 1.4 g a 2.0 g di proteine pro kg di peso corporeo per gli atleti coinvolti nell'allenamento contro resistenza con l’obiettivo di aumentare la massa muscolare. Le proteine sono un importante macronutriente per la promozione della crescita muscolare. Di conseguenza, soddisfare i fabbisogni proteici quotidiani è necessario per ottimizzare l'accrescimento della massa magra. In base alle prove disponibili, superare questi valori non induce ulteriore beneficio a livello di ipertrofia; tuttavia, sottovalutare il fabbisogno proteico può compromettere la capacità di un culturista di raggiungere il suo massimo potenziale ipertrofico.   Indice [toc]   Fabbisogno proteico...

Obesità infantile - Valeria Galfano medico

Obesità infantile e ruolo dei genitori

L’obesità infantile è una patologia multifattoriale, in cui coesistono determinanti genetici, psicologici, ambientali e socioeconomici; caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo, con conseguenze negative per la salute, riduzione della qualità e dell’aspettativa di vita. L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce e classifica i diversi stadi dell’ obesità attraverso l’indice di massa corporea (IMC), che mette in rapporto il peso corporeo con il quadrato dell’altezza.   Indice [toc]   Obesità infantile: un fenomeno in crescita Tra il 1975 e il 2016, i tassi di obesità sono quasi triplicati, così che 650 milioni di adulti in tutto il mondo sono classificati come obesi (World Health Organization, 2018). Da qualche...

acne e dieta - valeria galfano

Acne e dieta: come sono legati

L'acne vulgaris è una malattia infiammatoria cronica della pelle, che coinvolge l'unità pilosebacea. La sua prevalenza globale è stimata al 9.4%, classificandosi come l'ottava malattia più diffusa al mondo.   Indice [toc]   Acne: quanto è diffusa L'acne è estremamente comune tra gli adolescenti, con oltre l'85% dei soggetti colpiti tra i 12 e i 15 anni. La sua prevalenza diminuisce con l'età, oltre i 30 anni. Dopo l'adolescenza, l'acne rimane più comune nelle donne rispetto agli uomini; si verifica in circa la metà delle donne di 20 anni, un terzo delle donne sulla trentina e un quarto delle donne sulla quarantina. Acne: le cause La patogenesi dell'acne...